Trekking

La Via dell'Amore, alle Cinque Terre Moso di Sesto e la Val Fiscalina Da Mezzomonte al Cansiglio Di volata verso La Posa Sentiero Zanin e Landro de San Vidilio Da Sottocroda a Rospes, in invernale. Gli altri percorsi ...

MTB

Sulla ciclabile Cortina - Dobbiaco Dove il Meschio bacia la Livenza Lungo gli argini della Livenza Torrente Caron e sorgenti del Meschio Lauterbrunnen, fra trenini e mtb (Svizzera) Gli altri itinerari mtb ...

Corsa

Primo Trail del Patriarca (Villa di Villa) Di corsa, intorno a Lago Morto e Laghi Blu I percorsi della memoria (Longarone) Prima Marcia non competitiva di Pinidello Le altre marce ...

Il Paletto

Home Il manifesto Contatti ed amici

 

Search

Tutto comincia da qui
Tutto comincia da qui "via degli Alpini" a Sottocroda (TV).

Prima parte della salita: cemento. Tanto per scaldare per bene i muscoli.
Prima parte della salita: cemento. Tanto per scaldare per bene i muscoli.

Il bivio parla chiaro, fate la vostra scelta. Per oggi ci teniamo sulla destra!
Il bivio parla chiaro, fate la vostra scelta. Per oggi ci teniamo sulla destra!

Il sentiero procede con pendenza regolare, tra boschi in veste tardo autunnale.
Il sentiero procede con pendenza regolare, tra boschi in veste tardo autunnale.

Un casolare sulla strada, un buon diversivo.
Un casolare sulla strada, un buon diversivo.

Eccolo, il sole fa capolino tra i rami spogli. Attimi che ripagano della fatica e del freddo patiti.
Eccolo, il sole fa capolino tra i rami spogli. Attimi che ripagano della fatica e del freddo patiti.

L'ottimo sentiero, nella parte più alta. I colori dell'autunno avanzato.
L'ottimo sentiero, nella parte più alta. I colori dell'autunno avanzato.

Il panorama sui laghi di Revine, che di tanto in tanto fa capolino mentre saliamo.
Il panorama sui laghi di Revine, che di tanto in tanto fa capolino mentre saliamo.

Ed ecco un rarissimo drago fossile. Si, si, proprio un grosso drago, si vede chiaramente la bocca, l'orbita ed una parte del collo.
Ed ecco un rarissimo drago fossile. Si, si, proprio un grosso drago, si vede chiaramente la bocca, l'orbita ed una parte del collo.

Eccomi alla fine della strada per Rospes. Il casolare la chiude in bellezza, con un bel tavolino, un ottimo panorama ed un po di sole.
Eccomi alla fine della strada per Rospes. Il casolare la chiude in bellezza, con un bel tavolino, un ottimo panorama ed un po di sole.

La mola presso il casolare che sta alla fine della strada.
La mola presso il casolare che sta alla fine della strada.

Da Sottocroda a Rospes, in invernale.

Sabato 14 Gennaio 2012

Stamattina mi son svegliato con un sacco di pensieri per la testa.

Di dormire non se ne parla, pescare non ne ho voglia, troppo freddo per andar in bici ... una camminata, ecco quel che alla fine potrebbe svoltare la mattinata.

Prendo il minimo indispensabile, niente zaino, con il clima che c'e' fuori, un minimo di giubbo è d'obbligo e pertanto una tasca per la bottiglietta d'acqua la trovo di sicuro.

Dove si va?

Oggi sarà una passeggiata sfogo, serve un tracciato pacifico, lineare, asfaltato o sterrato, dove si possa procedere spediti, per ore, senza troppo guardar dove si mette i piedi.

Ho bisogno di salire in alto ed osservare il mondo da sopra, da una prospettiva lontana ed elevata.

Mi serve per riprender la misura dei pensieri e delle idee.

E' come quando stai male e qualcuno alla fine ti dice "ma dai, non vedi che c'e' chi sta peggio?" ... ecco oggi ho bisogno di andar su in alto e riprendere la misura, vedere che in fondo c'e' ben altro che le quattro cose che mio frullano in testa.

Salgo in macchina e vado verso i laghi di Revine, lì c'e' tutta una pedemontana da salire, ci sarà pure una strada che ancora non ho camminato!

Eccola, Via degli Alpini, a Sottocroda! Questa sale di sicuro, vediamo dove si arriva!

Parcheggio vicino al cimitero di Lago (credo sia quello di Lago) ed infilo una felpa ed un giubbo senza manica.

Scarponi, acqua, macchina fotografica ... pronto!

Raggiunta Via degli Alpini, ne percorro un primo inizio e subito mi si para davanti un bivio: Rospes 5 Km oppure La Posa 8Km.

Facciamo Rospes 5 Km, che non vorrei distruggermi del tutto!

Parto a ritmo sostenuto, inforco un primo tornante, salgo, salgo e salgo.

Probabilmente percorro 2 km o poco più, poi il sentiero diventa più piatto, passa vicino ad una vecchia cava e degrada notevolmente, sembra quasi terminare.

Ci resto piuttosto male, tanto che vedendo un signore con un fuoristrada fermo in mezzo alla parte più malridotta del sentiero, gli chiedo informazioni.

"Finisce qui. Non vai da nessuna parte per di qua, al massimo puoi scendere e prendere un sentiero che ti porta sulla strada per La Posa."

Accidenti, devo aver sbagliato da qualche parte, e così gli spiego che cercavo di arrivare a Rospes.

"Ah beh ... allora hai sbagliato quasi subito, devi scendere di nuovo quasi fino al bivio con i cartelli, invece di salire seguendo il tornante, dovevi tirare dritto e passare vicino allo scavo che c'e' laggiù."

Bene ... di male in peggio, ho tirato come un matto ma sulla salita sbagliata!

Per fortuna il personaggio mi offre un passaggio, ha terminato di lavorare in bosco ed è arrivata l'ora di rientrare a casa.

Ci facciamo un po di chiacchiere, mi fa vedere dove la figlia ha sistemato una vecchia casera, e in breve mi ritrovo all'inizio, poco oltre il bivio per Rospes.

Ok, saluto e riparto, ma stavolta per la direzione corretta!

Salgo, ma un po più lentamente, almeno fino a quando non riscaldo nuovamente le gambe.

Non è breve.

I 5 Km indicati, percorsi a piedi, in costante salita e con almeno altri 2 km già in saccoccia, si rivelano abbastanza pesantini.

L'ultimo km soprattutto mi vede far almeno 3 pause.

In una di queste, nei pressi di un tornante, una coppia di signori si ferma un attimo con il fuoristrada, come per chiedere con gli occhi "Tutto bene?!?".

Gli faccio cenno che è tutto ok e senza nemmeno il fiato per salutare li osservo ripartire un po dubbiosi.

Oramai manca poco, vedo la vegetazione che si dirada, c'e' più luce, non può esser ancora tanto lontano.

In effetti, 15 minuti dopo aver incrociato i due perplessi personaggi, mi trovo ad osservare il mondo dall'alto, presso una casera dove la strada termina.

Non so dirvi se in realtà io sia arrivato o meno a Rospes.

La strada terminava qui presso la casera, ed io ero stanco abbastanza da fermarmi almeno una mezzora per ammirare il panorama.

Un po di relax, qualche foto, un goccio d'acqua e poi pian piano inizio a scendere.

Scopro presto che e' abbastanza dura anche scendere.

Ho consumato così tanto salendo che adesso arranco anche in discesa.

L'acqua è finita, ma soprattutto avrei bisogno di integrare un po dei sali persi in salita: camminare a ritmo sostenuto, con un giubbotto addosso, può privarti di buona parte dei liquidi e dei sali minerali.

Un po sfiancato, mi ritrovo a far pausa anche in discesa.

Per fortuna ho un paio di caramelle disperse nelle tasche chissà da quanto.

Le caramelle mi aiutano sempre, distraggono dalla fatica, dalla sofferenza e dalla sete.

Finalmente sono alla macchina!

Pregusto già una birra enorme e fresca ... ma mi accorgo di aver solo pochi spiccioli!

Non è proprio giornata!

Mi accontento di un tramezzino ed una birra piccolissima... e corro a casa, a rimediare subito!!!

 

Il Paletto: Un viaggio intorno al mondo che comincia, e si perpetua, come viaggio intorno a sé stessi.

La Via dell'Amore, alle Cinque TerreMoso di Sesto e la Val FiscalinaDa Mezzomonte al CansiglioDi volata verso La PosaSentiero Zanin e Landro de San VidilioDa Sottocroda a Rospes, in invernale.Alle Grotte del Caglieron, da poco più a sudPasseggiata invernale a Villaggio VallorchSan Gaetano a Cison di ValmarinoDal Pizzoc a Pian de la PitaAutunno tra Case Sassi e Santa AugustaSulla cima del Monte CimoneAutunno tra Arfanta e Molinetto della CrodaBorgo Caloniche in FadaltoFontanone di Goriuda e Forte della Chiusa (Kluze, Slovenia)Forra del Vinadia e torrente PicchionsI Brent de l'Art (Trichiana)Via dell'Acqua a Cison di ValmarinoNotte a Casera DittaCampanile di Val MontanaiaIn Cansiglio, tra Cornesega e ValmeneraDa San Boldo verso il Monte CimoneVisita autunnale in Casera DittaCascate Trummelbach (Lauterbrunnen)Ferrata Kandersteg-Allmenalp (Svizzera)Monte Talm e Piani di VasRifugio ChiampizzulonA Wengen in slittino (Svizzera)Escursione invernale a Casera DittaVajont: i percorsi della memoriaIl giro del Lago Morto, in FadaltoDi nuovo in ferrata Sass Brusai (Monte Grappa)Al Rifugio lago d'Ajal dal lago di PianozeSott'acqua da Passo Giau al Rifugio AverauDa San Boldo verso il Bivacco ai LoffMonte Sperone nella nebbiaVajont: la diga ed i percorsi della MemoriaFerrata Guzzella sul Monte GrappaRifugio Pradidali sulle Pale di San MartinoRifugio Petra Skalarja sul Monte CaninAlle sorgenti dell'IsonzoSalt Point State Park, CaliforniaFerrata Marino Guardiano alla cima del Pelf (2502)Ferrate Zacchi e Berti per Cima SchiaraSu al Rifugio 7° Alpini, sullo SchiaraFerrata Ettore Bovero al Col Rosa'Al rifugio Citta' di Fiume sul monte PelmoVallone Vallorch in CansiglioIn cresta tra Nevegal e Col VisentinTraversata da Pianezze a Stabie (Feltre)Col Indes in AlpagoLaghi innevati del ColbriconVal Venegia in ciaspole e minisci KongTentata cima del Monte MesserFerrata Formenton alla Tofana di DentroMitica Ferrata Dibona... e il Montello no?!?Su al Rifugio Vallandro con le ciaspoleSotto al Pelmo con le ciaspolePer Costa di Fregona alle Grotte del CaglieronRifugio Maset in Cansiglio (sentiero 991)Ferrata in Sass de Rocia e Bivacco Pian delle StelleMalga Cercenedo in Cansiglio4 passi in Pian SalereSu al Rifugio Semenza, dall'Alpago.Dal Dolada al Col MatAl Monte Pizzoc dalla Val ScuraFerrata Sass Brusai sul Monte GrappaDa Passo Croce d'Aune al Rifugio Dal PiazIn quel di PolcenigoSantuario di Madonna del CarminePraderadego, sulle tracce dei romani... de Roma!Monte Piana in invernaleA Sant'Antonio verso CadoltenSopra Bardastae, ai piedi del CansiglioIl ServaMalga Alvis nel Parco delle Dolomiti BellunesiLaghetto Coldai dai Piani di PezzèNella casa di Yoghi e BubuSu al Semenza ed oltre!Parchi nell'East BayNel magico mondo di ArfantaMalghe del CansiglioIl sentiero degli deiDa Sonego a Sant'Augusta, senza ritornoDal Gorgazzo a MezzomonteAltare 1, 2, 3, …Follina-Combai... un giro di viteSu ai LoffFadalto, sotto il "troi de mez"