Trekking

La Via dell'Amore, alle Cinque Terre Moso di Sesto e la Val Fiscalina Da Mezzomonte al Cansiglio Di volata verso La Posa Sentiero Zanin e Landro de San Vidilio Da Sottocroda a Rospes, in invernale. Gli altri percorsi ...

MTB

Sulla ciclabile Cortina - Dobbiaco Dove il Meschio bacia la Livenza Lungo gli argini della Livenza Torrente Caron e sorgenti del Meschio Lauterbrunnen, fra trenini e mtb (Svizzera) Gli altri itinerari mtb ...

Corsa

Primo Trail del Patriarca (Villa di Villa) Di corsa, intorno a Lago Morto e Laghi Blu I percorsi della memoria (Longarone) Prima Marcia non competitiva di Pinidello Le altre marce ...

Il Paletto

Home Il manifesto Contatti ed amici

 

Search

La parte iniziale della strada, poco sopra il cimitero di Mezzomonte.
La parte iniziale della strada, poco sopra il cimitero di Mezzomonte.

Uno scorcio lungo la strada che sale da Mezzomonte.
Uno scorcio lungo la strada che sale da Mezzomonte.

Il punto in cui la strada da Mezzomonte si unisce alla dorsale Cansiglio-Piancavallo.
Il punto in cui la strada da Mezzomonte si unisce alla dorsale Cansiglio-Piancavallo.

Ultimi metri della strada che sale da Mezzomonte verso il Cansiglio.
Ultimi metri della strada che sale da Mezzomonte verso il Cansiglio.

La dorsale, verso il Cansiglio.
La dorsale, verso il Cansiglio.

La dorsale, verso Piancavallo.
La dorsale, verso Piancavallo.

Sgnaletica
Sgnaletica "ufficiale" nei pressi del bivio dove la strada da Mezzomonte incontra la dorsale Cansiglio-Piancavallo.

Un ultimo sguardo prima di scendere, verso la zona di Col delle Palse.
Un ultimo sguardo prima di scendere, verso la zona di Col delle Palse.

Da Mezzomonte al Cansiglio

Sabato 3 Marzo 2012

Passano i giorni ma mi ritrovo ancora immerso in un periodo semi-cupo.

Uno di quei momenti che prima o poi, per un motivo o per un altro, ci troviamo a fronteggiare un po tutti.

Piccole preoccupazioni e dubbi di vario genere si attorcigliano attorno al nostro vivere quotidiano, fino a formare una grossa massa compatta che gradualmente toglie il respiro.

Alla fine ci si trova a dover regire, soprattutto se il tempo non scorre abbastanza veloce ed il groppo non si dissolve per conto suo.

Nel mio caso, scelgo anche per oggi di spingere con le gambe e bruciare quante più energie possibile.

Un po di sana fatica e di isolamento che mi costringa a focalizzarmi su qualcosa di molto chiaro e semplice, evitando che la mente vaghi inutilmente altrove.

Mezzomonte.

Ecco la risposta odierna ai miei bisogni.

Da Mezzomonte (470 metri circa) si può salire lungo le pendici del Cansiglio, fino a Col delle Palse (1375 metri circa) dove s'incontra la sterrata che dal Cansiglio porta verso Piancavallo.

Si tratta di una strada chiusa al traffico, in gran parte asfaltata, che sale in modo continuo, con pendenze mai proibitive.

Una di quelle strade dove ci si può metter a testa bassa e procedere come muli, concentrati solo su fiato, risorse e tempi, concedendosi pochissime brevi pause e ben poche distrazioni, se non il panorama ovviamente!

Inizio parcheggiando l'auto in piazzeta e marcando subito visita alla piccola, ma mitica, Osteria Al Nuvolone.

Incrocio un amico in mtb indeciso se salire con me o scendere, ha già molta strada nelle gambe e vorrebbe provare anche una discesa alternativa.

Ci prendiamo un rosso (le mie riserve a breve termine) e facciamo 4 chiacchere.

Bene, si parte.

Raggiungo il cimitero ed inizio a salire, la strada inizia proprio a fianco al cimitero.

Dritto, costante, preciso.

Dopo un po carburo alla grande, il fiato è giusto, non sento la fatica e salgo, salgo, salgo inesorabile.

Sorpasso una famigliola.

Un po di tira e molla con un paio di ciclisti, poi non li vedo più, li passo alla loro terza pausa e me li lascio alle spalle definitivamente.

Salgo per così tanto tempo e senza pause che ad un certo punto non ho più la percezione del tempo, vedo solo che ad ogni tornante la pianura si fa meno nitida e più lontana.

Arrivo a pensare di essere l'unico in giro così in alto. I ciclisti si sono sicuramente fermati per invertire la rotta, la famigliola a piedi non si vede più fin dai primi tornanti...

Poi la neve fa la sua comparsa. Non soffice, non gradevole, ma dura come il marmo e insidiosa come ghiaccio vivo, relegata presso alcuni tornanti perennemente in ombra.

Se scivolo e mi capita qualcosa, ne ho da scendere per un bel po e qui in giro non c'e' nessuno.

Primo ed unico pensiero grigio della giornata. E dura pure poco.

Dopo un paio di minuti sento nel mezzo dei miei respiri un vociare lontano.

E' una sorta di risveglio. Non sono solo.

E non sono nemmeno così lontano dal resto del mondo.

Ma più di tutto non sto facendo niente di particolarmente speciale, visto che il vociare si rivela poco dopo provenire da una coppia di signore sportive in tuta e scarpe da ginnastica.

Ok, ritorno a dare una dimensione più normale alla mia uscita.

Si certo, sto facendo una fatica bestia, non mi sono mai fermato, ho mangiato un panino camminando, senza fermare le gambe, ma questo non vuol dire che stia andando su Marte.

Le due simpatiche signore, con almeno dieci anni più di me, stanno già scendendo, significa che hanno già fatto molto più di me, ma procedono con una disarmante naturalezza, chiacchierando come fossero in piazza.

L'asfalto lascia spazio allo sterrato e piano piano la strada si porta verso l'interno, allontanadomi dalla vista della pedemontana sottostante.

La pendenza è ancora buona ma tutto lascia ormai intuire che la salita è quasi terminata.

Poco dopo la stadina termina e si getta sulla dorsale che dalla zona dalle malghe (Col dei S'cios e Candaglia, tanto per capirci) porta verso Piancavallo.

Finalmente mi fermo.

Appoggio lo zaino al segnavia e mi metto in centro strada, esposto al sole, a braccia aperte.

Mangio qualcosa, lì in piedi, guardandomi attorno e godendo del sole caldo.

Arriva un tizio dalla zona di Piancavallo, lo scorgo quando è ancora lontano,mi preparo per un saluto e due chiacchiere, mi sembra il minimo, siamo praticamente solo noi due fin dove l'occhio arriva.

Saluta a malapena e non accena nemmeno a rallentare. Ci resto malissimo.

Salgo quassù anche per incontrare persone di buon cuore, aperte a punti di vista diversi, con un minimo di condivisione per gli stesi interessi, per questi panorami, per questa meravigliosa natura.

Non ha nemmeno rallentato. Giuro che non mi era mai successo. Ci resto veramente male, triste.

Lo immagino alle prese con qualche stupido record, con un allenamento, con qualcosa di agonistico ed insulso... ma giuro che non riesco a crederci.

Camminare per ore su due tracciati diversi, congiungersi nel punto d'incontro, da soli, quasi allo stesso momento, sembra che il caso abbia messo queste due formiche sulle traiettorie giuste al momento giusto... e a momenti non ci salutiamo nemmeno. MAH! La gente sa essere veramente triste.

Bene, altre due foto e scendo.

O perlomeno inizio a scendere... ce ne vorrà un bel po per tornare a Mezzomonte.

Certo è discesa e, passate le placche gelate, la strada è super sicura e facile, ma comunque c'e' un bel po da camminare.

Me ne rendo conto verso metà. Inizio a sentire qualche dolore all'anca, poi il dolore va verso la parte posteriore e si piazza all'altezza della cintura.

Batte e ribatte inesorabile, ad ogni passo. Mi sento sempre più contratto e dolorante, altro che discesa in scioltezza.

Finisco col fare una pausa, in discesa, quasi a pagare il conto delle mancate pause in salita.

Mi sdraio sull'asfalto e spero che questo mi faccia un po rilassare la zona contratta. Niente da fare.

Prima di raffreddarmi troppo riparto e cerco di non sforzare troppo.

Assisto ai tentativi di salita di qualche gruppetto di ciclisti. Mi par tardi, sta iniziando a far freddo, non credo andranno molto lontano.

Arrivo giù che quasi zoppico, il fastidio è sempre più pungente. Ho tirato troppo in salita. Pirla!

L'infiammazione o quel che è (nervo sciatico?) la ricorderò per diversi mesi.

Anche oggi la tappa finale in osteria salta, ho bisogno di una doccia super bollente!

 

Il Paletto: Un viaggio intorno al mondo che comincia, e si perpetua, come viaggio intorno a sé stessi.

La Via dell'Amore, alle Cinque TerreMoso di Sesto e la Val FiscalinaDa Mezzomonte al CansiglioDi volata verso La PosaSentiero Zanin e Landro de San VidilioDa Sottocroda a Rospes, in invernale.Alle Grotte del Caglieron, da poco più a sudPasseggiata invernale a Villaggio VallorchSan Gaetano a Cison di ValmarinoDal Pizzoc a Pian de la PitaAutunno tra Case Sassi e Santa AugustaSulla cima del Monte CimoneAutunno tra Arfanta e Molinetto della CrodaBorgo Caloniche in FadaltoFontanone di Goriuda e Forte della Chiusa (Kluze, Slovenia)Forra del Vinadia e torrente PicchionsI Brent de l'Art (Trichiana)Via dell'Acqua a Cison di ValmarinoNotte a Casera DittaCampanile di Val MontanaiaIn Cansiglio, tra Cornesega e ValmeneraDa San Boldo verso il Monte CimoneVisita autunnale in Casera DittaCascate Trummelbach (Lauterbrunnen)Ferrata Kandersteg-Allmenalp (Svizzera)Monte Talm e Piani di VasRifugio ChiampizzulonA Wengen in slittino (Svizzera)Escursione invernale a Casera DittaVajont: i percorsi della memoriaIl giro del Lago Morto, in FadaltoDi nuovo in ferrata Sass Brusai (Monte Grappa)Al Rifugio lago d'Ajal dal lago di PianozeSott'acqua da Passo Giau al Rifugio AverauDa San Boldo verso il Bivacco ai LoffMonte Sperone nella nebbiaVajont: la diga ed i percorsi della MemoriaFerrata Guzzella sul Monte GrappaRifugio Pradidali sulle Pale di San MartinoRifugio Petra Skalarja sul Monte CaninAlle sorgenti dell'IsonzoSalt Point State Park, CaliforniaFerrata Marino Guardiano alla cima del Pelf (2502)Ferrate Zacchi e Berti per Cima SchiaraSu al Rifugio 7° Alpini, sullo SchiaraFerrata Ettore Bovero al Col Rosa'Al rifugio Citta' di Fiume sul monte PelmoVallone Vallorch in CansiglioIn cresta tra Nevegal e Col VisentinTraversata da Pianezze a Stabie (Feltre)Col Indes in AlpagoLaghi innevati del ColbriconVal Venegia in ciaspole e minisci KongTentata cima del Monte MesserFerrata Formenton alla Tofana di DentroMitica Ferrata Dibona... e il Montello no?!?Su al Rifugio Vallandro con le ciaspoleSotto al Pelmo con le ciaspolePer Costa di Fregona alle Grotte del CaglieronRifugio Maset in Cansiglio (sentiero 991)Ferrata in Sass de Rocia e Bivacco Pian delle StelleMalga Cercenedo in Cansiglio4 passi in Pian SalereSu al Rifugio Semenza, dall'Alpago.Dal Dolada al Col MatAl Monte Pizzoc dalla Val ScuraFerrata Sass Brusai sul Monte GrappaDa Passo Croce d'Aune al Rifugio Dal PiazIn quel di PolcenigoSantuario di Madonna del CarminePraderadego, sulle tracce dei romani... de Roma!Monte Piana in invernaleA Sant'Antonio verso CadoltenSopra Bardastae, ai piedi del CansiglioIl ServaMalga Alvis nel Parco delle Dolomiti BellunesiLaghetto Coldai dai Piani di PezzèNella casa di Yoghi e BubuSu al Semenza ed oltre!Parchi nell'East BayNel magico mondo di ArfantaMalghe del CansiglioIl sentiero degli deiDa Sonego a Sant'Augusta, senza ritornoDal Gorgazzo a MezzomonteAltare 1, 2, 3, …Follina-Combai... un giro di viteSu ai LoffFadalto, sotto il "troi de mez"